Home
Home
Utenti Registrati
Accesso Utente
Registrazione Utente
Password dimenticata ?
Elenco Iscritti
Navi del Mondo
Elenco

visitatore n.°

online: 546
Constellation
 
Nome : Constellation
click to zoom
Nazionalità : Stati Uniti

Anno costruzione : 1799
Cantiere : n.d.
Categoria : n.d.
Propulsione : vela
Altri dati : Tipo: fregata a due ponti continui
Varo: 1799
Lunghezza: m 53,70
Larghezza: m 13,50
Immersione: m 5,90
Dislocamento: t 1140
Armamento: prima batteria: 30 carronate da 24 libbre; seconda batteria: 22 carronate da 42 libbre
Equipaggio: 368 uomini

Brevi Note: Terra nella serie delle grandi fregate americane, la Constellation, costruita da Joshua Humphreys, anticipò quelle che sarebbero state le caratteristiche principali delle navi a vela statunitensi del XIX secolo. Infatti, insieme a uno scafo df grandi proporzioni, la Constellation poteva vantare un'imponente velatura che le assicurava un'estrema maneggevolezza e velocità. Dodici grandi vele quadre si innalzavano sui suoi tre alberi, completate dalla randa all'albero di mezzana, da tre fiocchi e da sei vele di straglio. Gli alberi della Constellation erano divisi in tre pezzi, opportunamente collegati fra loro ma facilmente separabili. La parte inferiore dell'albero, il "tronco", era direttamente unita allo scafo della nave e penetrava all'interno attraverso la "mastra". La sezione immediatamente sopra il tronco era detta "albero di gabbia" e il terzo pezzo, il più elevato, "alberetto". Le varie parti che componevano gli alberi erano incastrate fra loro e strettamente legate per mezzo di cerchi di ferro serrati a caldo. Caratteristiche della Constellation erano le coffe, di forma quasi rettangolare ma con la parte anteriore, quella rivolta verso prua, arrotondata; erano tre: coffa di maestra o "gran gabbia", gabbia o coffa di trinchetto e gabbia o colla di mezzana. 1 pennoni, in solido pino americano, erano a forma di prisma al centro e di tronco di cono alle estremità. Ogni vela era sostenuta da un pennone, poiché la grande fregata era anche dotata della "forza di vele", cioè della vela da aggiungere per ottenere la massima velocità. 1 pennoni della Constellation avevano, alle loro estremità, alcuni cerchi di ferro che servivano da sostegno e da guida per le "aste" che sporgevano dai pennoni stessi e sopportavano le vele aggiunte ("buttafuori"). Lungo la murata della Constellation vi erano le aperture praticate per i cannoni, le "cannoniere", di forma quadrata. I portelli delle due batterie erano protetti dai "mantelletti", tavole di legno forte incrociate con altre di legno più leggero e incernierate verso l'alto. Essi venivano aperti o chiusi mediante un sistema di cavi. Nella seconda batteria i mantelletti erano costituiti da due battenti orizzontali che si aprivano attraverso barre di legno incernierate. 1 mantelletti e gli affusti delle carronate erano dipinti in bianco e nero. La Constellation fu attiva anche nel Mediterraneo per attaccare e distruggere le navi pirate algerine.

esci

Copyright © 2003-2019 www.magellano.org.
Tutti i diritti riservati. Disclaimer - Privacy
Protetto dalle leggi sul copyright, sul diritto d’autore e dai trattati internazionali.
e-mail: staff@magellano.org