Home
Home
Utenti Registrati
Accesso Utente
Registrazione Utente
Password dimenticata ?
Elenco Iscritti
Navi del Mondo
Elenco

visitatore n.°

online: 544
Cutty Sark
 
Nome : Cutty Sark
click to zoom
Nazionalità : Gran Bretagna

Anno costruzione : 1869
Cantiere : n.d.
Categoria : n.d.
Propulsione : vela
Altri dati : Tipo: clipper del tè
Varo: 1869
Lunghezza: m 85,34
Larghezza: m 10,97
Immersione: m 6,40
Dislocamento: t 2133
Equipaggio: 32 uomini

Brevi Note: Fu la strega Nellie, personaggio del componimento poetico Tam o' Shanter del poeta scozzese Robert Burns, a ispirare John Willis per il nome del Cutty Sark.. Willis era l'armatore e il proprietario della nave, soprannominato "White Hat", cappello bianco, perché aveva una speciale predilezione per quel colore. Costruito per battere il celebre clipper Thermopylae nell'annuale corsa del tè, il Cutty Sark ebbe una storia quanto mai avvincente: in primo luogo il suo realizzatore e progettista, Herctdes Linton, fece fallimento prima che la nave vedesse il mare, non senza aver comunque costruito uno scafo perfetto. Quando il 26 novembre 1869 il Cutty Sark scese in acqua apparve subito per quello che era: una nave dalle linee perfette ed equilibrate, costruita in legname di prima scelta per il fasciame, in robusto teak per i ponti, in ferro per le ossature. Dipinto di nero, lo scafo, che appariva ancora più slanciato per la presenza di una duplice riga in foglia d'oro, a sottolineare l'elegante curvatura del ponte, terminava con una eccezionale polena in legno, la Nellie ispiratrice del nome della nave. L'albero di maestra era alto dal ponte 45,51 m e la superficie velica totale raggiungeva i 2972 mq. Partita per la sua pri ma traversata alla fine di gennaio del 1870, al comando del capitano George,Moodie, la nave fece il viaggio di ritorno da Shanghai a Londra, con il primo carico di tè, in 110 giorni. 11 suo rivale, il Thermopylae, ne impiegò dalla Cina solo 105. Nel secondo viaggio di ritorno avrebbe forse compiuto una traversata eccezionale se non avesse perso il timone nel corso di una violen6ssima burrasca nell'Oceano indiano. il clipper riusi egualmente a raggiungere Londra coprendo più di 8000 miglia con un timone di fortuna. Successivamente, ma con scarsi risultati, al comando del Cutty Sark si alternarono numerosi capitani: W. Moore; W.E. Tiptaft, deceduto alla fine di un'ottima traversata; ES. Wallace, suicidatosi per il rimorso di aver lasciato scappare il suo secondo che aveva, sia pur involontariamente, ucciso un marinaio ribelle; l'alcolizzato J. Bruce. Finalmente, passato al comando di un abile e onesto marinaio, Richard Woodget, il Cutty Sark conobbe un decennio di fortunata attività sia come clipper del tè sia come clipper della lana sulla rotta australiana, via Capo Horn. Nel 1895, divenuto antieconomico
il suo mantenimento, venne ceduto all'armatore Ferreira di Lisbona, che lo adibì a viaggi atlantici finché nel 1922 un appassionato inglese, Wilfred Dowman, riuscì ad acquistarlo e a restituirgli l'aspetto originale. Sopravvissuto ai bombardamenti di Londra durante l'ultima guerra, il Cutty Sark è diventato nave cimelio e museo navale galleggiante, ricordo di una grande civiltà marinara.

esci

Copyright © 2003-2019 www.magellano.org.
Tutti i diritti riservati. Disclaimer - Privacy
Protetto dalle leggi sul copyright, sul diritto d’autore e dai trattati internazionali.
e-mail: staff@magellano.org