Home
Home
Utenti Registrati
Accesso Utente
Registrazione Utente
Password dimenticata ?
Elenco Iscritti
News
Indice News
visitatore n.°

online: 811
Capo Noli, la prima battaglia di Orazio Nelson in Liguria: trovati fucili e cannoni di una nave francese
19 aprile 2016

Un fucile del 1783 riemerge dalla Storia. E' solo il primo indizio, ripescato nelle acque di Noli, della epocale battaglia di Capo Noli che vide le navi inglesi, con a bordo un giovane Orazio Nelson, l'ammiraglio futuro eroe di Trafalgar, fronteggiare (e battere) la flotta francese. Dalle segnalazioni di un pescatore e poi dalle indagini di un diving locale e infine dalle ricognizione del nucleo subacqueo della soprintendenza della Liguria è stato scoperto un tesoro sommerso. Il fasciame di una delle navi francesi è quasi del tutto scomparso, consumato dal mare, ma i reperti, cannoni, fucili, contenitori, sono ancora lì sotto. Il tempo (e il mare) li ha solo avvolti con concrezioni.

"Si tratta di un ritrovamento importantissimo - dice l'assessore regionale al Turismo, Ilaria Cavo - che valorizza e rilancia la Liguria come sito diffuso di archeologia subacquea, questo è solo il primo ritrovamento cui potrebbero seguirne altri. Si tratta della prima battaglia navale che vinse Orazio Nelson, i reperti sono riconducibili a una nave francese. Con la soprintendenza proseguiremo le ricerche, poi capiremo cosa fare con questo tesoro".

Nelle ipotesi della Regione c'è o la creazione di un vero parco archeologico subacqueo, da incastonare in un sistema di siti archeologici sottìacqua, in tutta la Liguria. Oppure, se i reperti si riveleranno troppo fragili o comunque decisamente meglio fruibili in superficie, allora: "Oragnizzeremo, con la soprintendenza della Liguria, un museo che raccolga questi reperti e dia loro un contesto che li contestualizzi e li valorizzi".

Una scoperta di eccezionale interesse sia archeologico che storico, ha spiegato Vincenzo Tinè, Soprintendente Archeologia della Liguria, che dimostra come l'archeologia subacquea ligure sia, ancora una volta, all'avanguardia per capacità esplorative. "Lo scavo è a una profondità di 60 metri - spiega Simon Luca Trigona, della soprintendenza archeologica della Liguria - e quindi dovremo pianificare molto bene le attività da svolgere, ma dal punto di vista archeologico si tratta di una scoperta molto importante. Per ora ci siamo limitati a recuperare un solo reperto che in base ai marchi risulta essere un moschetto francese del 700 e questa è quasi la certezza che questo sia il sito dove è avvenuto lo scontro tra le navi francesi e quelle inglesi". In occasione della scoperta archeologica, è stato organizzato, nell'ambito della tre giorni di rievocazione storica della battaglia di Loano, un convegno dedicato allo scontro navale di Capo Noli. "Questo sarà l'occasione - ha sottolineato il sindaco di Loano, Luigi Pignocca - di annunciare l'adesione del Comune all'Associazione delle Città Napoleoniche, alla presenza di Charles Napoleon, presidente dell'Associazione".

Copyright © 2003-2019 www.magellano.org.
Tutti i diritti riservati. Disclaimer - Privacy
Protetto dalle leggi sul copyright, sul diritto d’autore e dai trattati internazionali.
e-mail: staff@magellano.org