Home
Home
Utenti Registrati
Accesso Utente
Registrazione Utente
Password dimenticata ?
Elenco Iscritti
Navi del Mondo
Elenco

visitatore n.°

online: 37020
Havfruen
 
Nome : Havfruen
click to zoom
Nazionalità : Danese

Anno costruzione : 1789
Cantiere : n.d.
Categoria : n.d.
Propulsione : vela
Altri dati : Tipo: fregata a due ponti
Varo: 1789
Lunghezza m 65,00
Larghezza m 13-90
Immersione: m 7,00
Dislocamento: t 1300
Armamento: prima batteria:batteria: 14 cannoni da 8 libbre; seconda batteria: 26 cannoni da 18 libbre
Equipaggio: 331 uomini

Brevi Note: La nave danese da 40 cannoni Havfruen è un chiaro esempio dell'evoluzione tecnico-costruttiva della fregata del XVIII secolo, in quell'epoca la nave da battaglia per eccellenza, e per mette di analizzare, in modo abbastanza dettagliato, una delle caratteristiche strutturali di queste unità: la velatura, dalla quale dipendevano la velocità e la manovrabilità della nave. l: attrezzatura velica dell'Havfruen era frazionata in dieci vele quadre, quattro per l'albero di trinchetto, quattro per quello di maestra e dueper l'albero di mezzana. Esistevano inoltre cinque vele di taglio fra gli alberi e tre fiocchi a prua, alle quali si aggiungeva la randa, posta all'estremità inferiore dell'albero di mezzana. Quel che maggiormente colpisce non è solo il numero delle vele ma anche l'impressionante altezza de gli alberi che le sostenevano; quello di maestra, per esempio, era alto 64 m e penetrava per altri 8 m all'interno dello scafo. Queste dimensioni danno un'i dea della quantità e qualità dello sforzo che era richiesto ai marinai imbarcati per poter governare una così considerevole superficie di tela esposta al vento. A tale superficie va aggiunta quella delle cosiddette "vele di caccia", cioè le vele supplementari che venivano aggiunte quando si desiderava, in condizioni di tempo buono, far guadagnare velocità alla nave. Dunque 1'Havfruen disponeva di dodici vele di caccia, che andavano ad aggiungersi a quelle degli alberi di trinchetto e di maestra. L'Havfruen disponeva inoltre di quattro vele aggiunte, che venivano poste (il termine tecnico è "inferite") su aste sporgenti dalle murate lungo le fiancate della nave, e che erano dette, per la loro posizione molto bassa, quasi a fil d'acqua, "scopamare". il cassero di poppa appariva ancora più abbassato rispetto all'altezza delle murate ed era quasi parallelo al castello di prua. I cannoni (26 da 18 libbre e 14 da 8) erano situati su un solo ponte di batteria coperto, mentre quelli del ponte superiore erano praticamente allo scoperto; avevano dunque bisogno di un rialzo in legno che compensasse la mancanza, in alcuni punti, della murata, e impedisse al cannone di finire fuori bordo.
Armamento e linee dello scafo dell'Havfruen rappresentarono un felice compromesso tra la funzionalità delle bocche di fuoco e quella della carena.

esci

Copyright © 2003-2021 www.magellano.org.
Tutti i diritti riservati. Disclaimer - Privacy
Protetto dalle leggi sul copyright, sul diritto d’autore e dai trattati internazionali.
e-mail: staff@magellano.org