Home
Home
Utenti Registrati
Accesso Utente
Registrazione Utente
Password dimenticata ?
Elenco Iscritti
Navi del Mondo
Elenco

visitatore n.°

online: 35008
Independence
 
Nome : Independence
click to zoom
Nazionalità : Stati Uniti

Anno costruzione : 1798
Cantiere : n.d.
Categoria : n.d.
Propulsione : vela
Altri dati : Tipo: fregata a due ponti continui
Varo:1798
Lunghezza m 51,30
Larghezza: m 13,40
Immersione: m 6,78
Dislocamento: t 1178
Armamento: prima batteria: 30 carronate da 24 libbre; seconda batteria: 22 carronate da 32 libbre
Equipaggio 356 uomini

Brevi Note: La vera data di nascita della Marina degli Stati Uniti d'America deve farsi risalire al momento in cui il Congresso americano decise la costruzione di sei grandi unità da guerra, delle quali l'Independence fu la seconda. L'uomo che si assunse il compito di fornire alla nascente Marina statunitense efficienti strumenti per la difesa degli interessi marittimi degli Stati Uniti fu un quacchero di Filadelfia, Joshua ilumphreys, considerato il più abile costruttore navale del Nuovo Mondo. Insieme alla Constitution e alla Constelladon, l'Independence costituì la forza navale d'urto più poderosa del momento; la tattica seguita da queste unità non fu tanto quella di concentrarsi sulla guerra da corsa, come usavano fare le altre Marine europee con maggiori risultati, piuttosto quella di impegnarsi in combattimento contro forze navali a volte superiori. L'Independence, a due ponti continui, fu una delle prime navi americane ad avere lo scafo interamente ricoperto da lastre di rame, fissate con chiodi egualmente di rame. Esse assicuravano una completa protezione contro gli attacchi degli agenti marini, e in particolare contro i danni prodotti dalla teredine. L'Independence era armata con carronate, i nuovi cannoni navali realizzati intorno al 1778 dalla Carron Company, una società scozzese di fonditori e costruttori navali; questi pezzi d'artiglieria erano più corti e leggeri dei tradizionali cannoni in ferro, e di maggior cali bro e potenza, ma soprattutto avevano bisogno di un minor numero di uomini per la loro manovra. Fusa in ferro, la carronata poteva essere alzata mediante una vite senza fine e, invece che sul tradizionale affusto, veniva montata su un supporto mobile su guide, che scorreva su una piccola piattaforma munita di due ruote anteriori, atto ad assorbire il rinculo del pezzo. La piattaforma, a sua volta, era munita di un perno nella parte anteriore, quella cioè rivolta verso il bordo della nave, che permetteva di orientare la canna del pezzo nella direzione voluta. La dotazione di proiettili del1'Independence, oltre quella normale costituita dalle palle sferiche in ferro, comprendeva: palle "ramate" o "angeli", formate da due semisfere unite da una spranga di ferro utilissime per infrangere alberi e sartiame; palle incatenate e "lanterne a mitraglia", cioè scatole di ferro cilindriche ripiene di pezzi di ferro; cariche a "grappolo", ovvero piccole palle collegate fra loro da una funicella di canapa e avvolte in un cilindro di tela e, infine, ma più raramente adoperate, "palle rosse", che erano proiettili arroventati in appositi fornelli. Ogni carronata aveva una dotazione di 60 proiettili, 10 palle ramate e 10 cariche a mitraglia; le palle venivano conservate in piccoli recipienti detti "parchi delle palle", oppure in mensole sagomate poste a lato dei cannoni.

esci

Copyright © 2003-2021 www.magellano.org.
Tutti i diritti riservati. Disclaimer - Privacy
Protetto dalle leggi sul copyright, sul diritto d’autore e dai trattati internazionali.
e-mail: staff@magellano.org